Zuckerberg mostra il futuro degli avatar del Metaverso: gambe e videochiamate

Zuckerberg mostra il futuro degli avatar del Metaverso: gambe e videochiamate
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Poco dopo la presentazione del visore Meta Quest Pro, Mark Zuckerberg ha sfruttato il "palcoscenico virtuale" offerto dall'edizione 2022 dell'evento Meta Connect per far vedere al mondo il suo nuovo avatar e presentare il futuro degli avatar del Metaverso (e di quest'ultimo in generale).

Una delle questioni principali relative a ciò che avverrà in futuro, che non poteva mancare dopo le critiche relative al selfie di Zuckerberg nel Metaverso, è la presenza delle gambe degli avatar (si potranno a quanto pare aggiungere da VR, da mobile e non solo).

Queste ultime verranno implementate inizialmente in Horizon Worlds e si sfrutterà un modello di intelligenza artificiale in grado di prevedere qual è la posizione dell'intero corpo. Si punta in ogni caso a mettere le gambe al centro del concetto di Metaverso, anche se il CEO di Meta ha spiegato che non è esattamente un compito facile (ed è anche per questo che molte esperienze VR non implementano questa possibilità).

Per il resto, l'obiettivo di Zuckerberg e soci è quello di integrare gli avatar un po' in tutte le operazioni virtuali, dalle videochiamate su WhatsApp e Zoom (che potranno essere effettuate nelle sembianze di un avatar) arrivando ai Reel di Instagram creati in questo modo. D'altronde, durante l'evento è stato mostrato che per il futuro si punta a realizzare avatar in grado di trasporre le emozioni dell'utente in modo virtuale.

Il lancio dei nuovi avatar è previsto per il 2023. Tuttavia, a quanto pare, già da fine 2022 verrà lanciato uno store, pensato per consentire agli utenti di gestire sin da subito l'outfit del proprio avatar.

Al netto di questo, nella fase finale dell'evento sono stati mostrati alcuni concept a cui Meta sta lavorando lato avatar, ovvero Codec Avatar e Instant Avatar. Il primo concept è relativo a un avatar fotorealistico, tanto che il Mark Zuckerberg "virtuale" quasi non sembrava essere un avatar.

Va detto però che il CEO di Meta ha spiegato che creare questo tipo di avatar non è semplice ed è proprio qui che entrano in gioco gli Instant Avatar, che richiedono all'utente una semplice scansione effettuabile tramite smartphone (sembra che in seguito sia necessaria qualche ora di attesa per ottenere il proprio avatar). Il risultato non è chiaramente della stessa qualità dei Codec Avatar, ma quanto mostrato durante l'evento risulta comunque potenzialmente intrigante. Insomma, al netto dei nuovi avatar in arrivo nel 2023, Zuckerberg e soci stanno già pensando in grande per il futuro del Metaverso.

Quanto è interessante?
2
Zuckerberg mostra il futuro degli avatar del Metaverso: gambe e videochiamate