di

Dopo l'incontro del 2018, Mark Zuckerberg è tornato a testimoniare al Congresso USA, questa volta presso la Commissione Servizi Finanziari. Il CEO di Facebook si è trovato dinanzi una persona che lo ha messo piuttosto in difficoltà: Alexandra Ocasio-Cortez.

In particolare, stando anche a quanto riportato da Global News e da ilSole24Ore e come potete vedere nel video presente qui sopra, nei 5 minuti di tempo a sua disposizione, la Ocasio-Cortez ha messo in luce alcune delle principali problematiche di Facebook. Invitandovi a prendere visione del video integrale, facciamo un breve resoconto di ciò che è successo.

In parole povere, Mark Zuckerberg è stato convocato al Congresso USA per rispondere alle domande sui temi più caldi riguardanti Facebook, dalla trasparenza della pubblicità fino ai possibili problemi che potrebbero verificarsi durante la campagna elettorale per le elezioni Presidenziali statunitensi in programma per il 2020. Il tema che sembra aver fatto più discutere è quello relativo alla criptovaluta Libra. Zuckerberg ha lasciato intendere che potrebbe trattarsi di un progetto fallimentare, ma ha comunque voluto difendere Libra, affermando che progetti del genere sono necessari, visto che altre potenze mondiali si stanno già muovendo in quel settore.

Tornando alle domande poste dalla Ocasio-Cortez, Zuckerberg si è mostrato molto in difficoltà soprattutto sul fact-checking degli annunci politici. Infatti, il CEO di Facebook non è riuscito a dare una risposta netta alla domanda, apparendo piuttosto incerto sul da farsi. Oltre a questo, Zuckerberg ha più volte affermato di non ricordare con precisione determinati eventi. Ad esempio, alla domanda relativa al momento in cui il CEO di Facebook ha saputo di Cambridge Analytica (accennando al fatto che Zuckerberg secondo molti era a conoscenza dei fatti prima dello scoppio dello scandalo), il CEO di Facebook ha risposto "il momento esatto, forse marzo 2018 ma potrei sbagliare".

Quanto è interessante?
6
Zuckerberg torna al Congresso USA: la Ocasio-Cortez mette in difficoltà il CEO di Facebook